Trattare la psoriasi con "cannabis medica topica"


La cannabis viene in genere consumata attraverso il fumo o la vaporizzazione ma sono disponibili anche creme, oli, lozioni, spray, balsami o unguenti, i topici vengono applicati sulla pelle e si assorbono attraverso l'epidermide (lo strato esterno). Questa via di consumo relativamente sconosciuta consente ai pazienti di curare le condizioni della pelle, delle articolazioni e dei muscoli usando i topici infusi con cannabis vegetale intera o un singolo cannabinoide, come ad esempio THC o CBD.

Che cos'è la psoriasi?

La psoriasi è una condizione che coinvolge l'accumulo relativamente rapido di cellule della pelle sulla superficie dell'epidermide. Questo accumulo anormale di pelle - che sviluppa squame spesse bianche, grigie e chiamate placche - deriva da un cambiamento nel ciclo di vita delle cellule. Si ritiene che la psoriasi sia ereditata; la storia familiare è significativa.

Cannabis topica per la psoriasi

Il sintomo più evidente della psoriasi sono le macchie rosse della pelle che a volte sono relativamente grandi e coperte dalle spesse scaglie argentate della placca (cellule morte della pelle). Altri sintomi includono pelle secca o screpolata (che può sanguinare), unghie anormali e disturbi articolari (infiammazione e gonfiore sono comuni). Nonostante il suo aspetto, questa condizione non è contagiosa. Gli afroamericani hanno circa il 50% in meno di probabilità di contrarre la malattia rispetto ai caucasici.

Si stima che fino al tre percento degli americani abbia la psoriasi, il che provoca oltre 10 milioni di malati solo negli Stati Uniti. A livello globale, circa 125 milioni di persone sono affette da questa condizione. Sfortunatamente, non esiste una cura nota per questa malattia altamente scomoda e spesso stigmatizzata, di cui esistono otto categorie principali, a seconda delle aree del corpo interessate e della natura delle macchie di placca simili a eruzioni cutanee.

Cannabis per la psoriasi

Poiché la psoriasi è causata da problemi al sistema immunitario, la cannabis è un trattamento particolarmente efficace. I cannabinoidi nella cannabis si adattano perfettamente a recettori speciali nel sistema endocannabinoide del corpo umano. Questi recettori, chiamati CB1 e CB2, sono concentrati rispettivamente nel cervello / sistema nervoso centrale e nel sistema immunitario. Tuttavia, la scienza più recente rivela che ogni tipo di recettore si trova in quasi tutti gli organi e tessuti del corpo, solo con espressioni diverse (densità e schemi).

I farmaci convenzionali usati per trattare la psoriasi, in genere agenti immuno-modulanti sistemici, comportano spesso molti problemi che non sono associati all'uso di cannabis medica. Questi includono febbre, diarrea, disfunzione epatica e aumento della possibilità di infezione. Pertanto, la cannabis si occupa efficacemente della causa significativa di questa condizione della pelle, dell'infiammazione e dei suoi principali sintomi, dolore e disagio, il tutto evitando gli effetti collaterali negativi dei farmaci.

Sono stati condotti pochissimi studi di ricerca per studiare l'efficacia medica della cannabis e dei suoi componenti per i disturbi della pelle come l'eczema e la psoriasi. La piccola ricerca formale e informale disponibile, specialmente sotto forma di testimonianze aneddotiche e casi studio, rivela che la cannabis è molto efficace nel trattare questa malattia che coinvolge il sistema immunitario e talvolta produce gravi infiammazioni all'interno della pelle.

La cannabis è una medicina simbiotica, i cui singoli campioni possono contenere più di 100 cannabinoidi e 200 terpeni, le due categorie delle principali molecole medicinali all'interno della pianta. Pertanto, i benefici specifici ottenuti dall'uso topico di questa erba dipendono fortemente dalla qualità della cannabis impiegata da un paziente, nonché dalla sua particolare composizione. Alcuni ceppi sono ricchi di THC, mentre altri, sebbene più rari, hanno volumi insolitamente grandi di CBD, cannabinoide non psicoattivo.

Poiché la cannabis è più efficace nella lotta contro il dolore, l'infiammazione e la nausea, è particolarmente abile nell'aiutare chi soffre di psoriasi, artrite e altre condizioni basate sull'infiammazione. Tuttavia, è importante notare che ogni ceppo di cannabis offre un profilo cannabinoide e terpenico distinto e quindi abbiamo la massima efficacia con una particolare malattia.

Uno studio condotto nel 2007 e pubblicato sul Journal of Dermatological Science ha stabilito che i cannabinoidi aiutano a prevenire l'accumulo di cellule morte della pelle e altri sintomi della psoriasi. I ricercatori hanno concluso: "I nostri risultati mostrano che i cannabinoidi inibiscono la proliferazione dei cheratinociti e quindi supportano un potenziale ruolo dei cannabinoidi nel trattamento della psoriasi."

Sebbene non sia uno studio formale, il Gwynedd Cannabis Club in Galles e nel Regno Unito ha condotto un esperimento di nove giorni in cui ha usato olio di cannabis per curare la psoriasi acuta. Un soggetto è stato trattato con una terapia farmaceutica convenzionale, un farmaco chemioterapico chiamato Metotrexato.

Tuttavia, quando lo stesso soggetto è stato trattato con cannabis anziché con Metotrexato, non ha avuto effetti collaterali negativi e una completa guarigione della sua pelle. In effetti, è stata in grado di andare a nuotare con la sua famiglia - qualcosa che la sua grave psoriasi aveva precedentemente prevenuto - per la prima volta dopo la breve terapia con cannabis. Questo regime di trattamento prevedeva tre trattamenti di olio di cannabis topico ogni giorno per nove giorni.

Sono necessarie ulteriori ricerche

Sfortunatamente, sono state condotte pochissime ricerche sull'efficacia medica degli argomenti a base di cannabis. Negli Stati Uniti, gli studi sono rari e le prove sull'uomo sono inesistenti a causa dello stato di cannabis di cui all'allegato I del Controlled Substances Act. Questa categorizzazione legale raggruppa la cannabis con l'eroina e la considera pericolosa e con zero valore medico.

Fino a quando la cannabis non verrà rimossa dal Controlled Substances Act o passerà all'Allegato III o inferiore, solidi studi di ricerca - in particolare quelli che coinvolgono esseri umani reali e cannabis di alta qualità che rispetti la realtà degli stati legali e dei mercati neri - semplicemente non si verificheranno nel Stati Uniti. Fino ad allora, l'establishment medico e i sostenitori dei pazienti che abbracciano questa terapia per la sua significativa efficacia medica saranno costretti a fare affidamento sugli studi condotti in nazioni progressiste come Israele, Canada, Spagna e persino il Messico.

159 visualizzazioni